Categoria: 2018

children-below-deck-2018-kinder-unter-deck-henkel-recensione

CHILDREN BELOW DECK

In Children below Deck vediamo un profondo senso di colpa che si tramanda di generazione in generazione e che nemmeno gli anni che passano potranno mai attutire. Ma, forse, soltanto guardando in faccia il passato stesso – magari anche attraverso vecchie fotografie che, pian piano, prendono forma sullo schermo assumendo, dapprima, i tratti di un disegno a matita – si può tentare, in qualche modo, di sanare la cosa. O forse no?

party-hard-die-young-2018-die-letzte-party-deines-lebens-hartl-recensione

PARTY HARD DIE YOUNG

Anche se, al giorno d’oggi, di prodotti che somigliano come una goccia d’acqua al nostro Party hard die young ne sono stati realizzati davvero tanti, bisogna riconoscere al giovane regista Dominik Hartl – da sempre appassionato di horror – di aver tentato, a suo modo, una lettura e una messa in scena del tutto personali.

what-have-we-done-to-deserve-this-2018-womit-haben-wir-das-verdient-spreitzhofer-recensione

WHAT HAVE WE DONE TO DESERVE THIS?

La commedia brillante What have we done to deserve this?, opera seconda dell’attrice e sceneggiatrice Eva Spreitzhofer, presentata in anteprima italiana nel corso della rassegna Sotto le Stelle dell’Austria 2019, mira a scardinare ogni qualsivoglia cliché focalizzando la propria attenzione su un mondo con cui viviamo a stretto contatto, ma di cui, di fatto, conosciamo fin troppo poco.

to-the-night-2018-brunner-recensione

TO THE NIGHT

Funziona il particolare andamento contemplativo conferito a To the Night. Malgrado la giovane età, malgrado una scarsa esperienza dietro la macchina da presa, Peter Brunner ha dalla sua la grande capacità di mettere in scena in modo del tutto personale e sincero un tormento interiore ricco di sfaccettature e per nulla facile da analizzare.

schauspielerin-2018-hermeling-recensione

SCHAUSPIELERIN

Il volto decadente (ma incredibilmente affascinante nella sua malinconia) di Brigitte Karner in Schauspielerin viene amorevolmente filmato nel dettaglio da una macchina da presa che si fa immediatamente intima conoscitrice dell’animo della protagonista, regalando alla stessa una serie di primissimi piani, dettagli e, non per ultime, inquadrature mostranti la donna riflessa sul vetro di una finestra, resi ancora più preziosi da un raffinato bianco e nero.